Skip to content

Il Mercato del Debito: chi guadagna dalle tue rate

Tutto si paga a rate!

In America è una pratica già molto diffusa che ormai si sta espandendo anche da noi. Siamo infatti più propensi a pagare non tutto insieme ma con piccoli importi mensili, accatastando a poco a poco rate su rate. In questo modo la loro capacità di spesa aumenta. Ma cresce anche al 42,7% la quota di italiani che ha un contratto rateale in essere.

Non più solo case o beni primari

Il fattore più rilevante è che al contrario di anni fa dove ci si indebitava solo per necessità, ora si compra a rate qualunque cose.

Si stima che sia 160 milioni di euro il valore dei prestiti personali erogati nel primo semestre di quest’anno per i viaggi (+96% rispetto allo stesso periodo del 2021) con una cifra media desiderata è di 5.597 euro da restituire in 52 rate.

Ma le banche non festeggiano

Al contrario di quanto si pensi non sono le banche o le finanziarie a godere di questo trend, tutt’altro! I prestiti erogati da queste sono in calo a causa della concorrenza che, non dovendo rispettare le stesse normative, può muoversi con maggiore libertà.

Con chi ci indebitiamo?

Sono le Fintech a incassare i nostri soldi. In Italia c’è Scalapay, all’estero Afterpay, (acquistata da Square per 29 miliardi). E mentre sia Paypal che Mastercard e Visa hanno annunciato di voler entrare in questo mercato, Goldman Sachs ha comprato Green Sky per 2,2 miliardi. Si stima che gli acquisti online fatti a rate valgono oggi circa 100 miliardi di dollari e nel 2030 si arriverà a 4 mila miliardi, con una crescita media annua del 50%”.

Sei d’accordo con l’indebitarsi per beni non necessari?